CHIAMACI SUBITO +39 0331 962405

Perché Odontobi?
  • Ospitalità alberghiera
  • Qualità 100% italiana 
  • Sedazione cosciente 
  • Tecnologia all’avanguardia 
  • Pagamento con piccole rate

PRENOTA UNA VISITA

Inviaci i tuoi dati e ti ricontatteremo per fissare un appuntamento con i nostri specialisti.


    Ho letto l’Informativa e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

    Quanto durano gli impianti zigomatici?

    Gli impianti zigomatici sono una valida alternativa alla tradizionale dentiera mobile; vantano un’elevata percentuale di successo (circa il 95%) e possono essere inseriti in pazienti di ogni età affetti da gravi atrofie dell’osso mascellare superiore.

    Questa semplice guida vuole aiutarti a capire più da vicino di che cosa si tratta, soffermandosi in modo particolare sulla durata di un impianto di questo genere e sulla sua possibile rimozione successiva.

    Impianti zigomatici: che cosa sono

    Gli impianti zigomatici sono dispositivi da utilizzare in presenza di severe atrofie mascellari.
    Insufficienti quantità d’osso unitamente a una scarsa qualità dello stesso non consentono, infatti, di caricare i tradizionali apparati perché viene a mancare la base dove l’impianto si fissa e si osteointegra.
    In tali casi si procede, dunque, all’inserimento del presidio all’interno dell’osso dello zigomo (soluzione spesso adottata quando la cura della parodontite si rivela inefficace).

    Questo genere di impianti possiede dimensioni maggiori (i sistemi tradizionali toccano i 18 mm, mentre gli zigomatici possono arrivare a sfiorarne 55), ma vanta elevate probabilità di successo perché l’osso garantisce un’eccellente osteointegrazione e non è soggetto a deterioramenti legati all’età.

    Quanto dura un impianto zigomatico?

    L’impianto zigomatico dura mediamente 10-15 anni, ma non è possibile fare alcuna previsione a priori perché tutto dipende da molteplici fattori tra cui l’età del paziente.
    L’apparato infatti è destinato a durare tutta la vita nelle persone più anziane, mentre nei soggetti più giovani è indispensabile considerare la naturale usura nel tempo.

    Se desideri conservare l’impianto zigomatico il più a lungo possibile, ricorda di condurre uno stile di vita sano ed eseguire correttamente le procedure di igiene orale. Il rispetto di queste semplici regole è, difatti, fondamentale se non vuoi rischiare di dovere sostituire prematuramente l’apparato.

    Rimozione prematura dell’impianto zigomatico

    La rimozione prematura dell’impianto zigomatico è indispensabile in presenza di fallimento precoce e tardivo. Nel primo caso, la mancata o non sufficiente osteointegrazione dell’ausilio può compromettere la guarigione delle ferite richiedendo, quindi, l’estrazione del dispositivo entro alcuni mesi dalla sua installazione. Il fallimento tardivo può, invece, presentarsi in qualsiasi momento in virtù di errori prostetici, stili di vita inadeguati e perimplantite (infezione batterica nell’area circostante l’impianto).

    Rimozione dell’impianto zigomatico conseguente a frattura

    L’impianto zigomatico talvolta deve essere rimosso per frattura dello stesso. La rottura può verificarsi in qualsiasi momento a seguito di errata pianificazione dell’ausilio o svitamento ed eccessiva sollecitazione, riconducibile alla masticazione.

    Occorre però precisare che eventi di questo genere sono in realtà molto rari, anche se non impossibili: nella maggior parte dei casi sono imputabili a svitamento con conseguente perdita di stabilità da parte della protesi.

    Conclusioni

    Gli impianti zigomatici sono ausili da adottare in presenza di gravi atrofie mascellari riconducibili a edentulia parziale o totale, protesi dentali rimovibili, raggiungimento della terza età e parodontite. Sono quindi un’ottima alternativa al tradizionale impianto, ma la scelta finale ricade comunque sul tuo odontoiatra di fiducia che non può esprimersi se non a fronte di una visita di controllo completa comprensiva di esame radiografico.

    Per quanto concerne la durata di un impianto zigomatico, non è possibile fare previsioni a priori perché ogni caso è diverso e vi sono molteplici fattori da considerare quali la tua età.

    Per conservare il più a lungo possibile il tuo impianto zigomatico, segui uno stile di vita corretto abbandonando, in primis, il fumo di sigaretta e prenditi cura della tua bocca con una completa e minuziosa igiene orale.

    Rispettare queste semplici regole è, difatti, fondamentale per ridurre al minimo il rischio di una eventuale sostituzione precoce del dispositivo.

    Perché Odontobi?
    • Ospitalità alberghiera
    • Qualità 100% italiana 
    • Sedazione cosciente 
    • Tecnologia all’avanguardia 
    • Pagamento con piccole rate

    PRENOTA UNA VISITA

    Inviaci i tuoi dati e ti ricontatteremo per fissare un appuntamento con i nostri specialisti.


      Ho letto l’Informativa e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

      Condividi su facebook
      Facebook
      Condividi su twitter
      Twitter
      Condividi su linkedin
      LinkedIn
      Condividi su email
      Email