CHIAMACI SUBITO +39 0331 962405

Perché Odontobi?
  • Ospitalità alberghiera
  • Qualità 100% italiana 
  • Sedazione cosciente 
  • Tecnologia all’avanguardia 
  • Pagamento con piccole rate

PRENOTA UNA VISITA

Inviaci i tuoi dati e ti ricontatteremo per fissare un appuntamento con i nostri specialisti.


    Ho letto l’Informativa e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

    Impianti a carico immediato: pro e contro

    Abitualmente, quando si parla di impianti dentali, si fa riferimento alla chirurgia implantare tradizionale, sviluppata in due fasi principali, solitamente completate in un arco di tempo di circa sei mesi. L’implantologia a carico immediato, al contrario, presenta il grande vantaggio di poter iniziare e terminare tutta la procedura chirurgica in un solo giorno.
    In questo articolo, analizzeremo le caratteristiche e i pro e contro degli interventi a carico immediato.

    Come abbiamo accennato in apertura, gli impianti tradizionali prevedono dei tempi piuttosto lunghi di realizzazione, in quanto richiedono la guarigione totale della gengiva e dell’osso prima dell’applicazione della corona.

    Questo lunghissimo tempo d’attesa non può che rappresentare uno svantaggio per chi necessita di risolvere una problematica dell’arcata dentale tutt’altro che trascurabile e che impone al paziente di stare a lungo senza poter contare sui denti coinvolti. Certo, spesso si procede applicando corone provvisorie, ma è bene precisare che queste hanno una qualità estetica e funzionale molto differente da quelle definitive.

    È per questi motivi che spesso i pazienti chiedono di poter accedere a tecniche di implantologia a carico immediato, con l’obiettivo di accorciare i tempi e risolvere quanto prima le proprie difficoltà. Tuttavia, non tutti i casi si prestano in maniera ottimale a questa scelta: ci sono infatti alcuni requisiti minimi che lo specialista deve doverosamente riscontrare, affinché un impianto rapido abbia successo: se l’impianto non si integrerà correttamente con l’osso coinvolto, tutta la procedura sarà infatti da considerarsi fallita.
    Allo stesso tempo, è necessario valutare che, se sull’impianto verrà poi applicata molta forza, questo eventualmente andrà ad influenzare la durata dell’impianto stesso.

    A fronte di questi aspetti delicati da valutare attentamente insieme al proprio dentista di fiducia, ve ne sono molti altri positivi da considerare al momento della scelta, ad esempio i tempi di guarigione più rapidi, un impegno inferiore in termini di tempo dedicato agli appuntamenti dentistici e di conseguenza molto meno stress e ansia per il paziente.

    Carico immediato: le condizioni indispensabili per richiederlo

    Come abbiamo anticipato, non tutte le situazioni si prestano alla realizzazione di un impianto a carico immediato. Esaminiamo insieme nei prossimi paragrafi quali sono le condizioni indispensabili per poter procedere con questa tecnica rapida di chirurgia implantare.

    • Innanzitutto, è indispensabile presentare una stabilità di almeno 35 Ncm, necessaria per l’avvitamento degli impianti durante la procedura chirurgica.
    • In secondo luogo, deve esserci abbastanza osso a disposizione: questo può comportare in alcuni casi la necessità di un intervento preparatorio, effettuando un’operazione di rigenerazione dell’osso stesso.
    • Le gengive, infine, devono essere sane e il paziente non deve presentare bruxismo o malocclusioni importanti.

    Qualora il paziente rispetti questi requisiti minimi, non vi saranno controindicazioni per procedere con un impianto a carico immediato e constatarne con ogni probabilità il successo.

    Tipologie di impianto a carico immediato

    Vi sono diverse tipologie di impianto a carico immediato, vediamole insieme più nel dettaglio.

    • Su impianto singolo: l’impianto viene inserito nello spazio corrispondente al dente mancante o dopo un’estrazione. Non ci sono controindicazioni per l’applicazione contestuale della corona dentaria e, dopo circa due mesi di protesi provvisoria, potrà essere avvitata o cementata quella definitiva.
    • Su impianti multipli: l’impianto in questo caso origina da necessità più che altro estetiche, in corrispondenza dei settori frontali delle arcate. Questo tipo di operazione chirurgica è fattibile unicamente se vi sono condizioni di stabilità primaria e non si rilevano invece esigenze di interventi di rigenerazione ossea preventiva.
    • Sull’intera arcata: l’impianto a carico immediato consente di ripristinare un’arcata intera in maniera immediata, purché vi siano le condizioni di una stabilità maggiore di 35Ncm, senza necessità di interventi di rigenerazione ossea preventiva per l’avvitamento delle corone.

    In conclusione, possiamo affermare che gli impianti a carico immediato rappresentano una procedura efficace e da favorire, qualora siano stati constatati tutti i requisiti minimi necessari nel paziente: proprio l’analisi preliminare è il punto chiave per il successo dell’intervento.

    Il dentista di fiducia utilizzerà certamente ogni precauzione possibile affinché l’intervento abbia un esito positivo, dopo aver studiato attentamente il singolo caso con il supporto di una valutazione multidisciplinare basata su radiografie e osservazioni cliniche.

    Impianto a carico immediato a Sumirago e Besnate

    Cerchi un centro di implantologia a Sumirago e Besnate? Odontobi è una clinica specializzata in impianti a carico immediato. Rivolgiti a noi per un consulto.

    Perché Odontobi?
    • Ospitalità alberghiera
    • Qualità 100% italiana 
    • Sedazione cosciente 
    • Tecnologia all’avanguardia 
    • Pagamento con piccole rate

    PRENOTA UNA VISITA

    Inviaci i tuoi dati e ti ricontatteremo per fissare un appuntamento con i nostri specialisti.


      Ho letto l’Informativa e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

      Condividi su facebook
      Facebook
      Condividi su twitter
      Twitter
      Condividi su linkedin
      LinkedIn
      Condividi su email
      Email