CHIAMACI SUBITO +39 0331 962405

Perché Odontobi?
  • Ospitalità alberghiera
  • Qualità 100% italiana 
  • Sedazione cosciente 
  • Tecnologia all’avanguardia 
  • Pagamento con piccole rate

PRENOTA UNA VISITA

Inviaci i tuoi dati e ti ricontatteremo per fissare un appuntamento con i nostri specialisti.


    Ho letto l’Informativa e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

    Malocclusione: che cos’è, da cosa è causata e quali sono i suoi effetti sulla salute?

    Si ha una malocclusione quando l’arcata superiore dei denti non risulta correttamente allineata a quelle inferiori e alla mandibola, causando quello che è comunemente detto un cattivo morso. Questa condizione è causa di denti storti o sporgenti, malattie gengivali e parodontali, ma anche, come vedremo, di disturbi diffusi all’intero corpo umano.

    Malocclusione: cos’è e da cosa è causata 

    Chi non ha mai dovuto correggere una mandibola disallineata probabilmente non ha mai sentito parlare di malocclusione. Eppure, seppur in un certo grado, la maggior parte di noi è stata soggetta a questa condizione, almeno durante la nostra infanzia. Difatti, secondo le stime, circa due terzi della popolazione nasce con un certo grado di malocclusione.

    La malocclusione si ha quando i denti e le mascelle causano la cattiva chiusura del morso. Gli effetti di una malocclusione possono essere denti storti, sporgenti, problemi gengivali, disfunzioni dell’articolazione temporo-mandibolare, forti mal di testa e disturbi del sonno. Può inoltre causare difficoltà nella pronuncia, o nella masticazione. 

    La malocclusione, come dicevamo, è spesso presente alla nascita, e può presentarsi come irregolarità delle dimensioni della mascella o della bocca, o addirittura come palatoschisi. Questa condizione, tuttavia, può anche essere acquisita nel corso della vita a causa di cattive abitudini, come la suzione del pollice, la spinta della lingua verso i denti, la perdita prematura dei denti (a causa di un incidente o di malattie dentali), o condizioni mediche come tonsille dilatate e adenoidi, che portano a respirare con la bocca, e di conseguenza condizionano lo sviluppo della mascella e delle arcate dentali.

    Un evento così negativo viene classificato in tre gradi di intensità: 

    • il primo grado (chiamato anche overbite) prevede che i denti dell’arcata superiore siano leggermente prevaricanti rispetto a quelli inferiori;
    • il secondo grado si manifesta mediante una prevaricazione ben più evidente, con mento sfuggente e spazi pronunciati fra incisivi superiori ed inferiori; 
    • il terzo grado è noto anche col nome di morso inverso o underbite ed implica denti mandibolari situati molto più avanti dei mascellari.

    Malocclusione: come avviene la diagnosi 

    La malocclusione può presentarsi anche senza sintomi, mentre nei casi più gravi comporta dolore, causato dallo stress cui sono sottoposti i denti o le mascelle. È una patologia facile da individuare durante una semplice visita odontoiatrica di routine.

    Se da questa visita emerge una sospetta situazione di malocclusione, si procede poi ad ulteriori studi, che prendono avvio a partire da fotografie e radiografie del volto e della bocca. Per verificare l’estensione e il grado della malocclusione, poi, il dentista realizza dei modelli in gesso a partire dalle impronte dentali del paziente. Grazie a questi modelli si ha una riproduzione del morso, cosa che consente la giusta pianificazione del trattamento odontoiatrico.

    Malocclusione: come si cura

    La figura medica specializzata per la malocclusione è l’ortodontista. Il trattamento posto in atto da questi solitamente consiste nelle parentesi graffe, che esercitano un’azione di tiraggio tra i denti, o tra le mascelle, in modo da correggerne gradualmente la posizione.

    La malocclusione potrebbe anche essere causata da un sovraffollamento dei denti. In questo caso, uno o più denti possono essere rimossi. Ma può aversi anche il caso opposto, ossia che la patologia è causata dalla prematura perdita di un dente.

    In questo caso, l’ortodontista può inserire un apparecchio chiamato mantenitore di spazio che, posto tra due denti, evita che questi fuoriescano dalla loro posizione naturale. Nei casi più gravi, il paziente può essere sottoposto ad interventi chirurgici, ed essere quindi indirizzato verso specialisti di chirurgia orale o maxillo-facciale.

    Malocclusione: gli effetti sulla salute del corpo umano 

    • Salute orale. La malocclusione può compromettere la salute dell’intera cavità orale. I denti storti sono infatti più difficili da pulire, e questo può portare a problemi come carie e malattie gengivali. 
    • Locuzione e masticazione. Un cattivo allineamento delle mascelle interferisce con la masticazione e la capacità locutoria. 
    • Bruxismo e otalgia. Per bruxismo si intende la masticazione anomala e involontaria che affligge solitamente i pazienti di malocclusione. Questo fenomeno, oltre a causare problemi strettamente legati alla salute dentale, come usura dei denti e sanguinamento gengivale, presenta ripercussioni anche più generali. È il caso dell’otalgia: la regione dell’orecchio è infatti legata, tramite innervazioni spinali e nervose, a quella delle mandibole, per cui il bruxismo, dovuto a una malocclusione, può causare anche forte dolore alle orecchie, che si solito sono all’origine di emicranie e mal di testa. 
    • Conseguenze sulla postura. Quando l’articolazione della mandibola è sbilanciata, questa influenza l’intera colonna vertebrale. Soprattutto, questa condizione ha effetti sull’atlante, ossia la prima vertebra cervicale. Ad uno spostamento della mandibola corrisponde, infatti, uno spostamento di questo osso, con la conseguente modifica della tensione muscolare. Il risultato è che il dislocamento di questa vertebra porta ad una cattiva postura, che causa problemi alla schiena, alla deambulazione e disturbi al sonno.

    Correlazione tra postura e malocclusione

    Il cranio è una struttura fondamentale del nostro corpo. E’ posto all’estremità della colonna vertebrale alla quale è collegato in ragione di un complesso sistema osseo e muscolare, dal delicatissimo equilibrio.

    In condizioni perfette un uomo con una posizione eretta, con le arcate dentali perfettamente allineate e nessuna tensione sottostante risulta totalmente equilibrato a livello di muscoli, tendini ed ossa.

    Le cause sopra esposte determinano la compromissione di questo delicato equilibrio. Una minima inclinazione a livello dentale si ripercuote sulla muscolatura del collo, sulla colonna vertebrale e sull’apparato uditivo. Come un fragile castello di carte il nostro corpo risente della minima variazione dell’allineamento.

    Perché Odontobi?
    • Ospitalità alberghiera
    • Qualità 100% italiana 
    • Sedazione cosciente 
    • Tecnologia all’avanguardia 
    • Pagamento con piccole rate

    PRENOTA UNA VISITA

    Inviaci i tuoi dati e ti ricontatteremo per fissare un appuntamento con i nostri specialisti.


      Ho letto l’Informativa e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

      Condividi su facebook
      Facebook
      Condividi su twitter
      Twitter
      Condividi su linkedin
      LinkedIn
      Condividi su email
      Email

      Potrebbe anche interessarti: