CHIAMACI SUBITO +39 0331 962405

Perché Odontobi?
  • Ospitalità alberghiera
  • Qualità 100% italiana 
  • Sedazione cosciente 
  • Tecnologia all’avanguardia 
  • Pagamento con piccole rate

PRENOTA UNA VISITA

Inviaci i tuoi dati e ti ricontatteremo per fissare un appuntamento con i nostri specialisti.


    Ho letto l’Informativa e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

    Denti sporgenti: cosa fare? Rimedi e trattamenti della recessione gengivale fisiologica, causata da radici dei denti molto sporgenti.

    La recessione gengivale è una patologia che si attua attraverso il ritiro della gengiva verso la radice del dente, il fenomeno può presentarsi in pazienti molto giovani, anche se l’apice della recessione gengivale si verifica in un età compresa tra i 40-50 anni, in questi anni la patologia si verifica in modo molto evidente. La recessione gengivale può presentarsi in posizione apicale a tutti i denti, ma generalmente i canini e i premolari sono gli elementi più colpiti da questa patologia. Una delle cause fisiologiche più comuni di questo genere di problema, è la recessione dovuta alla scorretta posizione delle radici dei denti, che si trovano in posizione sporgente verso l’esterno. La recessione gengivale può essere causata dalla posizione dei denti ruotata, dalle gengive estremamente sottili, ma anche da traumi esterni, come uno spazzolamento troppo aggressivo, oppure l’uso di uno spazzolino con setole troppo dure. Ma anche lo sfregamento continuo dovuto ad un piercing, gengivite, l’abitudine di masticare tabacco, bruxismo. Il fenomeno delle gengive ritirate diviene evidente da un momento all’altro, non sono sporadici i casi in cui la sintomatologia non è evidente e il cavo orale in apparenza risulti sano.

    I sintomi della recessione gengivale La recessione gengivale causa dei sintomi che possono essere più o meno gravi, innanzitutto si vede la radice che tende a ritirarsi scoprendo parte della radice del dente, questa situazione porta ad un impatto estetico di non poco conto, perché il dente appare più allungato e presenta delle discromie evidenti, in quanto sarà più giallo verso la radice, che non è coperta dallo smalto bianco tipico del colore del dente. A causa della recessione gengivale, i denti saranno molto più sensibili, sia al caldo, che al freddo; inoltre il dolore causato dallo spazzolamento, porta a curare con meno attenzione l’igiene orale, con conseguente peggioramento delle situazioni dell’intero cavo orale, sui denti si accumulerà una quantità maggiore di placca, e quindi sarà più probabile lo sviluppo di tartaro e carie. Le radici scoperte porteranno ad una maggiore propensione verso le infiammazioni dolorose del colletto. La salute e l’estetica del sorriso verranno compromesse in modo più o meno evidente. Negli stati più avanzati di recessione gengivale, dovuta ai denti sporgenti, può accadere anche di perdere uno o più elementi dentali, compromessi direttamente dalla radice.

    Rimedi recessione gengivale causata dai denti sporgenti La recessione gengivale va curata per evitare di giungere ad un aggravamento della patologia che causa problemi irreparabili. Nei casi in cui la recessione gengivale è agli stadi iniziali, e non causa evidenti problemi estetici, basta semplicemente prestare molta attenzione alla propria igiene orale e fare controlli periodici dal dentista, con foto che monitorano la recessione della gengiva. Nei casi più gravi, è indispensabile ricorrere ad un intervento chirurgico che punti a ricoprire la radice e risolvere il problema dell’accumulo eccessivo di placca causato dall’ipersensibilità dentale. L’intervento si svolge attraverso l’innesto di tessuto, che col passare del tempo andrà a impedire una nuova recessione gengivale e a ricoprire le radici dei denti scoperti. Nei casi più gravi in cui la recessione gengivale causata dall’eccessiva sporgenza dei denti, è necessario ricorrere all’impianto dei denti stessi, per riuscire a ripristinare una dentatura il più possibile corretta, e il conseguente ripristino delle funzioni masticatorie e fonetiche compromesse dalla patologia.

    L’importanza della prevenzione Solo un’adeguata prevenzione: corretta igiene orale e visite periodiche dal dentista, possono permettere di tenere sotto controllo l’insorgere della recessione gengivale. Per ridurre il rischio di soffrire di recessione gengivale è importante spazzolare i denti nel modo corretto, non troppo aggressivo, prestando molta attenzione anche al tipo di dentifricio utilizzato, i prodotti sbiancanti infatti tendono a causare sensibilità dentinale nel lungo periodo. Infine una pulizia adeguata dal dentista può ridurre l’accumulo di placca e tartaro, fattori che portano alla recessione gengivale. Le visite periodiche dal dentista consentono di individuare la situazione in cui i denti sono eccessivamente sporgenti, causando malocclusioni o recessione gengivale per l’eccessiva sporgenza della radice, concordando col proprio dentista quali terapie seguire.

    Perché Odontobi?
    • Ospitalità alberghiera
    • Qualità 100% italiana 
    • Sedazione cosciente 
    • Tecnologia all’avanguardia 
    • Pagamento con piccole rate

    PRENOTA UNA VISITA

    Inviaci i tuoi dati e ti ricontatteremo per fissare un appuntamento con i nostri specialisti.


      Ho letto l’Informativa e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

      Condividi su facebook
      Facebook
      Condividi su twitter
      Twitter
      Condividi su linkedin
      LinkedIn
      Condividi su email
      Email

      Potrebbe anche interessarti: