CHIAMACI SUBITO +39 0331 962405

Perché Odontobi?
  • Ospitalità alberghiera
  • Qualità 100% italiana 
  • Sedazione cosciente 
  • Tecnologia all’avanguardia 
  • Pagamento con piccole rate

PRENOTA UNA VISITA

Inviaci i tuoi dati e ti ricontatteremo per fissare un appuntamento con i nostri specialisti.


    Ho letto l’Informativa e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

    Pericoronite: cause, sintomi e rimedi

    Cos’è quella sensazione di dolore diffuso alla gengiva che spesso accompagna l’emersione di un dente del giudizio? Si tratta di pericoronite e si manifesta quando un dente non trova il giusto spazio nell’arco dentale.

    Come intervenire per evitare la formazione di ascessi e altre complicanze? Ecco qui una breve guida che ti illustrerà tutto ciò che dovresti sapere sulla pericoronite.


    1. Pericoronite: cos’è?

    Iniziamo dal descrivere di cosa parliamo esattamente quando nominiamo la pericoronite.

    Con questo termine ci si riferisce a uno stato di infiammazione della gengiva che si manifesta in corrispondenza dell’emersione di un dente del giudizio.

    Spesso la pericoronite implica un significativo rigonfiamento e l’arrossamento della gengiva, sintomi accompagnati da una forte sensazione di dolore. I tessuti molli, inferiori o superiori in base al dente coinvolto, tendono a gonfiarsi tanto da andare a coprire parzialmente il dente emergente: una complicazione da non sottovalutare, perché va a creare una tasca in cui si possono accumulare sporco e residui di cibo difficili da pulire, che non fanno altro che favorire la proliferazione di batteri.

    La sensazione di dolore è molto intensa e generalmente va a interessare l’area della mandibola, estendendosi talvolta fino all’orecchio o al collo nei casi più seri. Chi sono i soggetti più a rischio? Trattandosi di denti del giudizio, è facile intuire che questa patologia colpisca più che altro i giovani di età compresa tra i 15 e i 24 anni, mentre nei bambini può verificarsi durante il periodo della dentizione, quando iniziano a crescere i primi denti da latte.


    2. Cause della pericoronite

    Il più delle volte la pericoronite è legata al fatto che l’emersione di un dente del giudizio sia sfavorita dall’assenza di uno spazio sufficiente nel fondo dell’arco dentale, per cui il nuovo dente fatica a trovare un alloggiamento idoneo.

    Il trauma meccanico causa gonfiore e irritazione che possono essere aggravati dall’attacco di batteri.

    Normalmente, moltissimi batteri popolano il nostro cavo orale, ma nella circostanza di un trauma della gengiva, quale può essere ad esempio la fuoriuscita parziale di un dente, ecco che i batteri possono andare ad intaccare la lesione e penetrare nello spazio tra il dente e la gengiva, dando luogo a un’infiammazione dei tessuti molli che circondano la corona dentale.

    Per questo motivo questa infiammazione prende il nome di pericoronite (dal greco peri = attorno e – ite = suffisso che indica infiammazione).

    Un altro fattore aggravante può essere il fatto che il dente del giudizio superiore fuoriesca prima rispetto a quello inferiore, andando a irritare o a ferire la gengiva sottostante.


    3. Principali sintomi della pericoronite

    Tra i sintomi più eclatanti della pericoronite vi è naturalmente il dolore dovuto allo stato infiammatorio dell’area, che si acuisce durante la masticazione. La gengiva si gonfia e presenta un colore arrossato.

    Per alcuni soggetti tra i sintomi è stata anche riferita la percezione di un cattivo sapore in bocca.

    Tipicamente, la pericoronite si manifesta con maggiore frequenza nei denti del giudizio dell’arcata inferiore perché sono quelli maggiormente soggetti all’accumulo di residui e di sporco. Ulteriori sintomi di uno stato avanzato di pericoronite possono riguardare l’ingrossamento dei linfonodi del collo, il dolore diffuso fino all’orecchio, mal di testa, febbre e spasmi muscolari alla mascella.

    In ogni caso, è bene non attendere che i sintomi si facciano seri e telefonare tempestivamente al proprio dentista per farsi dare un’occhiata e risolvere prontamente la situazione.


    4. Cure e rimedi per la pericoronite

    I trattamenti previsti possono essere diversi e variano in base allo stato di avanzamento dell’infezione. Nel caso di una pericoronite circoscritta al dente e accompagnata da lievi dolori, si può procedere con un trattamento di pulizia accurata facendo ricorso ad uno spazzolino morbido.

    Per tenere disinfettata la bocca si possono fare dei risciacqui con acqua salata tiepida o con un collutorio specifico. La pulizia deve essere regolare e continuativa, almeno fino a che il dente del giudizio non emergerà completamente. In caso contrario, la pericoronite si manifesterà di nuovo durante tutto il tempo in cui il dente rimarrà parzialmente coperto dalla gengiva.

    Per casi più gravi con dolore più intenso, si può ricorrere a una terapia di antidolorifici, fino ad ipotizzare l’estrazione completa del dente, per risolvere definitivamente il problema.

    In qualsiasi caso, al primo segnale di dolore è bene rivolgersi direttamente al proprio dentista di fiducia senza aspettare che la situazione si aggravi ulteriormente.


    5. Prevenzione

    Come già sai, la prevenzione viene sempre presentata come la cura migliore che ci possa essere a qualsiasi malattia e anche nel caso della pericoronite buone pratiche di igiene orale possono davvero fare la differenza.

    È bene quindi mantenere sempre pulita la zona dei denti del giudizio, nonostante si trovi in un punto della bocca difficilmente accessibile. Non serve spazzolare con forza, anzi il metodo più consigliabile è una pulizia delicata ma regolare, grazie ad uno spazzolino a setole morbide. Il collutorio può rappresentare un valido alleato dell’igiene orale, così come un’alimentazione sana e priva di eccessi di zuccheri.

    Perché Odontobi?
    • Ospitalità alberghiera
    • Qualità 100% italiana 
    • Sedazione cosciente 
    • Tecnologia all’avanguardia 
    • Pagamento con piccole rate

    PRENOTA UNA VISITA

    Inviaci i tuoi dati e ti ricontatteremo per fissare un appuntamento con i nostri specialisti.


      Ho letto l’Informativa e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi indicate.

      Condividi su facebook
      Facebook
      Condividi su twitter
      Twitter
      Condividi su linkedin
      LinkedIn
      Condividi su email
      Email